DOTT.SSA FAUSTINA VACCA

Riparazione protesi

Le  protesi mobili sono suscettibili di fessurazione e/o rottura poiché con il passare del tempo l’usura del materiale si accentua sempre più.  Anche se si seguono scrupolosamente i consigli del dentista per quanto riguarda la pulizia e la conservazione,  la dentiera e la sua resina tendono a diventare  più deboli con il passare del tempo. Questo perché con l’invecchiamento la bocca si modifica, variando forma e dimensione. Ciò  fa sì che la vostra protesi mobile possa apparire allentata, meno stabile. Questo si evidenzia durante la masticazione o il parlare, poiché la protesi mobile tende a “sfuggire” dalla sua posizione. Questo tipo di problema, causato dal riassorbimento dell’osso e di conseguenza della modificazione della gengiva, causa continui movimenti non naturali da parte del paziente che evidenziano ed accentuano la percezione di disagio del portatore di protesi. Al pari di qualsiasi materiale, anche la resina (che è parzialmente flessibile) può subire una rottura o una frattura longitudinale. Vi è inoltre il rischio che ripetute flessioni del materiale possano causare l’allentamento o addirittura rottura  degli stessi denti artificiali incorporati nella protesi. Ciò può essere evitato intervenendo con un ribasatura o comunque un intervento di riadattamento della stessa. Se questo intervento non viene fatto la protesi mobile può incrinarsi o rompersi.

La riparazione della protesi, resasi necessaria per l’aggiunta o sostituzione di un dente, o per una frattura a causa di caduta accidentale, oppure ancora per un ribasatura (rifacimento del “pavimento” della protesi), può essere eseguita nella medesima giornata della consegna grazie all’esperienza degli odontotecnici che collaborano con lo studio.

E’ importante comprendere che le protesi sono strutture artificiali e qualora non si adattino correttamente, possono dar luogo a irritazioni e piaghe (decubiti). Può succedere; in tal caso bisogna intervenire tempestivamente.

Mettetevi in contatto con il nostro studio se la vostra protesi dovesse presentare rotture, crepe o  scheggiature oppure se uno dei denti sembra essersi allentato. Spesse volte è possibile eseguire la riparazione entro lo stesso giorno della consegna. Se invece il problema è più serio e le riparazioni necessarie sono più complesse, potrà essere necessario lasciarci in consegna la vostra protesi per alcuni giorni così che il nostro Laboratorio odontotecnico possa provvedere a tutte le riparazioni del caso. Questo dipende dalla complessità del problema e dai tempi tecnici di realizzazione della modifica del manufatto .

Ovviamente, i tempi di consegna possono essere stabiliti solo esaminando direttamente la protesi è perciò importante recarsi celermente presso i nostri studi per valutare correttamente la situazione e pianificare il miglior intervento da eseguirsi nel minor tempo possibile.

Dopo aver ricevuto la protesi danneggiata, verrà  eseguito un preventivo dei costi della riparazione da eseguire. Generalmente la riparazione, sia essa un’aggiunta o sostituzione di dente, o la riparazione di una frattura a causa di caduta accidentale, o un ribasatura (rifacimento del “pavimento” della protesi), sono risolte nella medesima giornata della consegna.

Attenzione, non tentate mai di modificare o riparare personalmente le  protesi  poiché si può inavvertitamente indebolirle o danneggiarne la struttura.

Attenzione, il tentativo di riparare da sè la protesi mobile, potrebbe causare danni tali da rendere necessario il confezionamento di una nuova protesi. La vostra bocca, inoltre, potrebbe subire delle ferite più o meno gravi se la protesi mobile venisse erroneamente riparata.

Nel corso del tempo, le protesi mobili dovranno essere ribasate, modificate o addirittura sostituite a causa della normale usura dei materiali, dei cambiamenti naturali del volto, dell’ossatura e delle gengive legati all’età, o a causa di danni accidentali causati ad esempio da cadute durante la pulizia della protesi stessa. In generale, le protesi mobili (parziali o totali), dovrebbero essere controllate o modificate ogni 2/3 anni di utilizzo, ed eventualmente sostituite dopo una decina di anni.